ARCHIVO ARTICOLI

Il mancato riconoscimento di paternità naturale è causa di risarcimento a carico del padre? Entro quali termini può essere fatto valere?

Il mancato riconoscimento comporta normalmente danni accessori in termini di mancata educazione, mancato mantenimento, perdita dell’istruzione, perdita dell’eredità ecc. Si tratta di danni che possono essere fatti valere senza limitazioni di tempo anche nei confronti degli eredi di un padre già morto, (sui cui resti si possa prelevare il DNA), con un termine di prescrizione decennale che decorre dalla data di accertamento della paternità e quindi praticamente senza limiti di tempo anche per figli ormai anziani. Se il risarcimento comprende la mancata educazione, e quindi la perdita di possibilità lavorative, ed i danni da mancato mantenimento collocati in epoche remote, si arriva a cifre assolutamente importanti.