ARCHIVO ARTICOLI

IL DIRITTO AL RISARCIMENTO DEGLI EREDI E DEI FAMILIARI DI CHI SI AMMALA E MUORE DI COVID IN OSPEDALE O IN CASA DI RIPOSO.

Le prospettive sono diverse a seconda delle due sedi in cui avviene il contagio.
Se il Covid viene contratto in ospedale, dove si presume che il degente fosse stato ricoverato per altra malattia, vi è una sostanziale responsabilità dell’ospedale per la causazione del danno sia da malattia che eventualmente da morte per il Covid perché evidentemente l’ambiente ospedaliero non è stato adeguatamente igienizzato.
I dati statistici che vengono quotidianamente diffusi circa la strage di contagiati Covid, fanno spesso dimenticare l’aspetto individuale, cioè che ciascuno di loro è stato oggetto di una morte orribile per soffocamento da insufficienza polmonare a seguito dell’infezione.
E ciascuno di loro ha subito un danno che nel caso del malato degente in ospedale è dipeso da scarsa igiene dell’ambiente ospedaliero in cui era ricoverato.
Nel caso di malato che sia stato contagiato in casa di riposo vi è un elemento in più.
Il malato è stato degente in un luogo non adeguatamente igienizzato, ma nello stesso tempo non è stato nemmeno informato della possibilità di andarsene a casa prima di contrarre il contagio.
L’omessa informazione circa i pericoli della prosecuzione della degenza in casa di riposo costituisce l’elemento fondamentale per sostenere la responsabilità diretta di tutte le case di riposo in cui siano avvenuti i contagi che non abbiano posto il degente nella condizione di poter liberamente scegliere di tornare a casa sua prima di essere contagiato.
E tutto questo rappresenta non solo un credito per il malato che sia sopravvissuto alla malattia, ma soprattutto un enorme credito per i familiari che abbiano perso un congiunto a seguito del contagio da covid e che vogliano ottenerne il risarcimento.
I deceduti a causa di contagio da covid lasciano ai familiari un diritto al risarcimento danno di enorme rilievo che , per avere un quadro, non è quasi mai inferiore a € 100.000,00, oltre al danno spettante ai congiunti secondo le tabelle pubblicate dal Consiglio giudiziario di Milano
Valori “danno non patrimoniale” per il 2014 (arrotondato)Valori medi
A favore del coniuge (non-separato) o del convivente sopravvissutoda € 163.990,00a   € 327.990,00€ 245.990,00
A favore di ciascun genitore per morte di un figlioda € 163.990,00a   € 327.990,00€ 245.990,00
A favore del figlio per morte di un genitoreda € 163.990,00a   € 327.990,00€ 245.990,00
A favore del fratello per morte di un fratelloda  €  23.740,00a   € 142.420,00€ 83.080,00
A favore del nonno per morte di un nipoteda  €  23.740,00a   € 142.420,00€ 83.080,00
Chiunque sia stato danneggiato deve porsi il problema di come impostare deve analizzare il caso singolo che lo riguarda e deve pretendere di ottenere il risarcimento spettante.
Ciò va fatto con assistenza legale specialistica competente in tema di risarcimento danni da covid.