ARCHIVIO RASSEGNE
01 Luglio 2008

Part-time per neo mamma

Corriere del Veneto
Martedì 1 luglio 2008
Mamma per la seconda volta
FA CAUSA A COIN E OTTIENE IL PART – TIME
VENEZIA – Trentacinque anni, funzionaria amministrativa di primo livello del Gruppo Coin, da poco madre per la seconda volta, Lisa Bortolato si vede negare dall’azienda il part time (previsto invece entro il terzo anno di vita del bambino, dall’art. 87 del contratto nazionale del lavoro del commercio) e viene indotta ad un licenziamento incentivato perché la politica del gruppo non prevede alternative al tempo pieno per i ruoli direttivi.
Assistita dal legale Enrico Cornelio, la donna decide di impugnare la richiesta di dimissioni e chiede di ottenere la riduzione di orario con un provvedimento d’urgenza, ma l’azienda pur revocando immediatamente il licenziamento la invita a riprendere il suo lavoro a tempo pieno negandole di nuovo il part time.
Il provvedimento d’urgenza in un primo momento le viene negato, ma nei giorni scorsi, in sede di reclamo, la sezione lavoro del Tribunale di Venezia le dà ragione stabilendo che la dipendente presti servizio per venti ore settimanali, cioè con orario ridotto.
“La questione ha un forte rilievo sociale – spiega l’avvocato Cornelio – e il provvedimento del Tribunale riafferma il diritto delle lavoratrici del commercio ad avere il part time post maternità fino a 3 anni del bambino indipendentemente dal livello”.