ARCHIVIO RASSEGNE
04 Novembre 2011

Tribunale: Mezzo milione per l’uomo che in stazione colpito da tumore risarcito da TRENITALIA

Corriere del Veneto 4.11.11
Venezia: lavorava nelle stazioni a stretto contatto con i locomotori dei treni, si è ammalato di mesotelioma e quindi Trenitalia deve pagare quasi mezzo milione di euro. Il giudice del lavoro Paola Ferretti non ha avuto dubbi e ha accolto la tesi esposta dall’avvocato Enrico Cornelio che aveva chiesto un risarcimento per un dipendente delle ferrovie che dopo diversi anni a contatto con le squadre di manutenzione dei treni ha contatto una brutta neoplasia e si dovrà sottoporre all’asportazione di un polmone e a diversi cicli di chemioterapia.
Secondo i medici dell’ospedale all’Angelo di Mestre infatti la causa della malattia era senza ombra di dubbio collegata alla dispersione dell’amianto presente sui locomotori e sui convogli delle Ferrovie dello Stato poi diventata Trenitalia. D’altra parte il periodo di incubazione delle malattie respiratorie causate dalla costante esposizione all’amianto varia tra i 25 ed i 40 anni, dunque nel caso di chi ha riscontrato un mesotelioma nel 2010 le indagini devono essere fatte per il periodo che va tra il 1970 e il 1985. È proprio in quegli anni che l’uomo lavorava come operaio nell’officina del deposito di locomotive e vagoni di Venezia. Ma negli anni Settanta non erano solo le locomotive ad essere piene di amianto: tutte le intercapedini dei vagoni passeggeri erano infatti coibentate con pannelli della stessa lega che veniva utilizzata anche per gli impianti di raffreddamento e riscaldamento.
La vicenda, che per ora ha avuto un solo precedente, è destinata ad essere estesa a tutti i dipendenti delle ferrovie che dovessero contrarre malattie respiratorie nei prossimi anni. I lavoratori infatti non erano mai stati messi al corrente dei rischi legati alla lavorazione con l’amianto né hanno mai usato precauzioni fino a quasi gli anni Novanta. L’uomo che verrà liquidato con la somma di 429.161 euro e 78 centesimi è invalido permanente da più di un anno.